Il Nuovo Giornale di Filosofia della Religione è una rivista in collaborazione con l'Associazione Italiana di Filosofia della Religione (AIFR)


N. 15 GENNAIO - APRILE 2021   ISSN 2532 - 1676

Direttore responsabile: 
Pierfrancesco Stagi

Il Comitato scientifico

Andrea Aguti (Presidente AIFR, Università di Urbino), Angela Ales Bello (Pontificia Università Lateranense), Annalisa Caputo (Università di Bari), Carla Canullo (Università di Macerata), Roberto Celada Ballanti (Università di Genova), Virgilio Cesarone (Università di Chieti-Pescara), Francesco Paolo Ciglia (Università di Chieti-Pescara), Giuseppina De Simone (Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale) Adriano Fabris (Università di Pisa), Francesco Miano (Università di Roma "Tor Vergata"), Sergio Sorrentino (Università di Salerno), Pierfrancesco Stagi (Università di Torino), Pierluigi Valenza (Università "La Sapienza" di Roma), Silvano Zucal (Università di Trento)

Il Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) è riconosciuta dal MIUR, Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, come pubblicazione ufficiale per l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN): è possibile inserire gli articoli pubblicati sul Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) nell'elenco delle pubblicazioni per accedere all'Insegnamento Universitario

Per l'invio di contributi, articoli, libri e la segnalazione di eventi si prega di scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 La proposta di un contributo è vincolata al rispetto delle norme redazionali e alla sottoscizione della liberatoria, Norme redazionali e liberatoria


Direttore editoriale del Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR)
Prof. Pierfrancesco Stagi (Università di Torino)
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Coordinatore della redazione | Webmaster
Dott. Alfonso Salvatore (Univesità di Salerno)
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Associazione Italiana di Filosofia della Religione
Sede legale c/o Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, Via Saffi n. 2 - 61029 Urbino
La quota associativa per l’anno 2017 è di 25 euro per gli studiosi e di 15 per gli studenti da versare sul C/C intestato ad AIFR presso Banca Popolare Etica (Banca Credito Cooperativo del Nord Est), specificando nome e cognome e utilizzando il seguente IBAN: IT 53 I 03599 01899 050188535718.

Presidente
Prof. Andrea Aguti (Università degli Studi “Carlo Bo”, Urbino)
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Segretario
Prof. Francesco Valerio Tommasi (Università degli Studi "La Sapienza", Roma)
email: francescovalerio.tommasi@uniroma1.it

Consiglio Direttivo
Prof. Damiano Bondi (Facoltà teologica dell’Italia Centrale, Firenze)
Prof. Virgilio Cesarone (Università degli Studi “Gabriele D’Annunzio” di Chieti-Pescara)
Prof.ssa Giorgia Salatiello (Pontificia Università Gregoriana, Roma)
Prof. Giovanni Salmeri (Università degli Studi “Tor Vergata”, Roma)
Prof. Pierluigi Valenza (Università degli Studi “La Sapienza”, Roma)

Ex Presidenti
Prof. Sergio Sorrentino (Università degli Studi di Salerno)
Prof. Francesco Miano (Università degli Studi “Tor Vergata”, Roma)

Eventi e convegni
Novità Bibliografica

Tommaso Commento a Isaia


 

 

Commento a Isaia

Tommaso d'Aquino

Editrice Studio Domenicano 2021


Super Isaiam è il primo commento di san Tommaso alla Scrittura da noi conosciuto.

Più che un commento è una spiegazione letterale del testo: ad litteram. È una esegesi del senso letterale del testo, ma costellata da note o collationes ricchissime per l’approfondimento del senso spirituale o mistico. E forse è proprio questa la cosa che maggiormente impressiona il lettore. Sono note “marginali” quanto alla redazione, ma “essenziali” quanto alla possibilità che offrono di interpretare l’animo speculativo e contemplativo di san Tommaso. L’abilità speculativa consiste nel saper cogliere il riflesso che le immagini bibliche offrono per approfondire o esprimere la profondità delle verità rivelate. L’intensità contemplativa consiste nella passione del predicatore che sa sfruttare la densità delle immagini perché la memoria s’arricchisca di preziosi richiami meditativi.

È la prima edizione – a livello mondiale – con testo latino e traduzione in lingua moderna.
Testo latino critico dell’Edizione Leonina.
Introduzione e Traduzione di Giuseppe Barzaghi O. P.

 

Per info: Tommaso d'Aquino, Commento a Isaia