L'Associazione Italiana di Filosofia della Religione (AIFR) riunisce i docenti italiani e i ricercatori presso le Università italiane di Filosofia della Religione


N. 2 Maggio - Giugno 2017 
ISSN 2532 - 1676

Direttore responsabile: 
Pierfrancesco Stagi

Il Comitato scientifico

Andrea Aguti (Presidente AIFR, Università di Urbino), Carla Canullo (Università di Macerata), Roberto Celada Ballanti (Università di Genova), Virgilio Cesarone (Università di Chieti-Pescara), Francesco Paolo Ciglia (Università di Chieti-Pescara), Giuseppina De Simone (Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale) Adriano Fabris (Università di Pisa), Francesco Miano (Università di Roma "Tor Vergata"), Sergio Sorrentino (Università di Salerno), Pierfrancesco Stagi (Università di Torino), Pierluigi Valenza (Università "La Sapienza" di Roma), Silvano Zucal (Università di Trento)

Bibliografia


zucal

SILVANO ZUCAL, Filosofia della nascita, Morcelliana, 2017

La nascita è, per tutti, l'esperienza straordinaria dell'accesso alla vita umana, e in quanto tale è un concetto che ha una potenzialità filosofica. Eppure il pensiero occidentale del Novecento si è perlopiù soffermato sulla morte come condizione ontologica fondamentale e solo sporadicamente sulla nascita, seppur questa vi lasci una significativa traccia. Una corrente sotterranea, ma carica di senso, qui indagata per la prima volta in maniera sistematica in un percorso che va dall'antica Grecia (il Sileno, Saffo, Eschilo, Sofocle, Euripide, Erodoto...) all'Antico Testamento (Geremia, Giobbe, Qoèlet...), dallo gnosticismo al pensiero cristiano medievale, con incursioni nel Novecento, attraverso alcuni dei suoi più profondi interpreti (Emil Cioran, Giinther Anders, Peter Sloterdijk, Hannah Arendt, Michel Henry, Jean-Luc Marion, Emmanuel Lévinas, Maria Zambrano, Romano Guardini...). Una lettura dell'evento natale capace di aprire molteplici prospettive, sia al "femminile" - con Hannah Arendt e Maria Zambrano -sia al "maschile", seguendo le principali prospettive fenomenologiche ma anche autori di confine come Hans Saner, originale allievo di Karl Jaspers. La nascita come categoria filosofica, indicando T'Inizio" ma anche la "rinascita", assurge a cifra dell'umano, permettendone una lettura antropologica, etica, teologica.

SILVANO ZUCAL, professore di Filosofia teoretica e Filosofia della religione nell’Università di Trento, si è dedicato allo studio di Rahner, Guardini, von Balthasar, Bonhoeffer, Ebner, Buber, Zambrano, Landsberg, Picard, del “Brenner-Kreis”, del pensiero dialogico e della filosofia della parola e del silenzio. Per l’Editrice Morcelliana è coordinatore scientifico dell’Opera Omnia di Romano Guardini e ha pubblicato i volumi: Ferdinand Ebner. La «nostalgia» della parola (1999); Lineamenti di pensiero dialogico (2004), L’Angelo nel pensiero contemporaneo, (2012) e Preghiera e filosofia dialogica, (2014).  

Per info: Silvano Zucal, Filosofia della nascita


LEuropa e le religioni COVER sito

L’Europa e le religioni, a cura di Pierfrancesco Stagi, Castelvecchi 2017

La religione rappresenta oggi un argomento di sfida che unisce le comunità, le polarizza, così come le disgrega e le frammenta. Cercare di comprendere le ragioni della religione e di ciò che la lega alla comunità significa penetrare nel magma confuso delle società contemporanee per iniziare il difficile compito di una loro decifrazione. Il potenziale etico delle religioni, che sembrava scomparso tra le maglie della secolarizzazione, torna oggi drammaticamente attuale con l’insorgere, nel dibattito delle società civilizzate, di antiche culture e tradizioni religiose. Qual è il compito del pensiero democratico di fronte a tali fenomeni? Alcune delle principali voci internazionali della filosofia della religione (G. Vattimo, Ch. Taylor, P. Nemo, G.E. Rusconi, P. Stagi, G. Filoramo, il card. Lehmann, P. Coda, C. Ciancio, M. Nicoletti) sono state chiamate a esprimersi su questi interrogativi, dando vita a un volume in cui la cultura occidentale si confronta con quanto di più antico torna a visitarla: l’Estraneo.

PIERFRANCESCO STAGI, docente universitario di Filosofia morale, è tra i maggiori esperti a livello internazionale di filosofia della religione. Tra i suoi scritti principali: Il giovane Heidegger. Verità e Rivelazione (con Presentazione di G. Vattimo, 2010); Ermeneutica e religione. La storia e il futuro dell’ermeneutica contemporanea (2013); Che cos’è il cristianesimo. Introduzione a v. Harnack (2013); Di Dio e dell’essere. Un secolo di Heidegger (2013); La filosofia della religione di Adolf Reinach (2015); La nascita del sacro. Teorie della religione (2015).  

Per info su L’Europa e le religioni, a cura di Pierfrancesco Stagi


abitare

FRANCESCA SBARDELLA, Abitare il silenzio. Un’antropologa in clausura, Viella, 2015

Per la prima volta un’antropologa e storica delle religioni entra nel mondo claustrale cattolico, per motivi di ricerca, come se fosse una postulante. Il limite di accesso, fisico e simbolico, che caratterizza di solito i monasteri, ha spesso prodotto dei lavori di riflesso, in cui l’esperienza di campo, in quanto ambiente comunicativo di incontro, è del tutto assente o deformata. Tali luoghi sono di solito conosciuti attraverso i testi scritti e i racconti dei religiosi che vivono in quel mondo ma che non permettono ad altri di entrarvi. Questo lavoro nasce da un’etnografia partecipata, in veste di attrice sociale protagonista, all’interno di due monasteri francesi di Carmelitane scalze. L’autrice sperimenta e racconta, in prima persona, quelle “minuzie della vita quotidiana” delle monache che sfuggono di solito agli occhi dello studioso, ma che danno forma a processi comunitari e, nel tempo, costruiscono la donna religiosa. L’ideale a cui tende il gruppo monastico non è dato esclusivamente dai testi, che lo definiscono e lo descrivono, ma soprattutto dalla pratica, che costruisce un proprio modello applicativo e che nasce dall’agire stesso. Questo porta la studiosa a vedere come la regola sia applicata nella pratica e quali sfasature si vengano a creare tra ortodossia e ortoprassi.

Per info: Francesca Sbardella, Abitare il silenzio. Un’antropologa in clausura


conflitto

FRANCESCA TRAMONTANO, Il conflitto pubblico fra religioso e profano, ESI, 2016

Un'ampia giurisprudenza europea stimola a ripensare teoreticamente la dialettica tra profano e religioso entro lo spazio che si definisce "pubblico". Tuttavia il dibattito filosofico-giuridico contemporaneo si iscrive entro un'alternativa topologica che separa il pensiero religioso dal pensiero profano e tralascia l'analisi dei fondamenti metodologici su cui le due prospettive poggiano. Questo studio si propone di analizzare i punti di contatto delle due prospettive sotto il profilo metodologico e spinge l'indagine alle radici dell'esperienza francese della libertà dei culti all'alba dei Lumi, ovvero alle radici dell'ideale laico.

FRANCESCA TRAMONTANO, Dottore ricerca in Filosofia del Diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino. Dopo aver indagato le radici del conflitto religioso entro lo spazio pubblico francese presso l'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, è stata Visiting Researcher entro il Transnational Research Programme presso il Law Center della Georgetown University di Washington, DC, USA. Dal 2015 fa parte del progetto di ricerca La Natura Come Esperienza, presso la Facoltà Teologica Teologica dell'Italia Centrale.

Per info:  Francesca Tramontano, Il conflitto pubblico fra religioso e profano


 

Eventi e convegni
23 - 24 NOVEMBRE 2017 - TRENTO
CONVEGNO INTERNAZIONALE AIFR:
Il sacro. A cento anni dalla pubblicazione di
Das Heilige di Rudolf Otto (1917)
BANDO PER CONCORSO NAZIONALE DI FILOSOFIA DELLA RELIGIONE - AIFR
“ITALO MANCINI” [...]
Per info: aifr.it

MAGGIO 2017 - FIRENZE
Laboratorio di pratica filosofica 
su intercultura/interreligiosità
L'UMANO E IL DIVINO
COLLANA DI FILOSOFIA DELLA RELIGIONE
MASTER IN SCIENZA FILOSOFIA
E TEOLOGIA DELLE RELIGIONI

Novità Bibliografica
eliade

 

Mircea Eliade

Psicologia della meditazione indiana

Edizioni Mediterranee 2016

Frutto delle ricerche condotte in India sotto la guida di S. Dasgupta e redatto nei primi anni Trenta, "Psicologia della meditazione indiana" (Psihologia meditatiei indiene) è il primo lavoro scientifico di ampio respiro del giovane Eliade: si tratta della sua tesi di dottorato, sostenuta nel 1933, che gli aprì le porte alla carriera universitaria. Il dattiloscritto della tesi fu scoperto negli archivi dell'Università di Bucarest dallo studioso Constantin Popescu-Cadem che lo pubblicò, inizialmente sulla "Revista de Istorie si teorie literarà" (1983-1985) e, successivamente (1992), come volume indipendente. Il lettore ha davanti il testo-base o lo "Yoga zero", all'origine degli sviluppi successivi sfociati nei vari libri che lo studioso romeno avrebbe dedicato all'argomento a partire dal 1936; esso getta nuova luce sull'approccio e le fonti di una ricerca sullo yoga, pionieristica e ancora in fieri, intrapresa da Mircea Eliade durante il suo decisivo contatto con la cultura indiana.

Per info: Mircea Eliade, Psicologia della meditazione indiana