L'Associazione Italiana di Filosofia della Religione (AIFR) riunisce i docenti italiani e i ricercatori presso le Università italiane di Filosofia della Religione


N. 7 MAGGIO - AGOSTO  2018
ISSN 2532 - 1676

Direttore responsabile: 
Pierfrancesco Stagi

Il Comitato scientifico

Andrea Aguti (Presidente AIFR, Università di Urbino), Annalisa Caputo (Università di Bari), Carla Canullo (Università di Macerata), Roberto Celada Ballanti (Università di Genova), Virgilio Cesarone (Università di Chieti-Pescara), Francesco Paolo Ciglia (Università di Chieti-Pescara), Giuseppina De Simone (Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale) Adriano Fabris (Università di Pisa), Francesco Miano (Università di Roma "Tor Vergata"), Sergio Sorrentino (Università di Salerno), Pierfrancesco Stagi (Università di Torino), Pierluigi Valenza (Università "La Sapienza" di Roma), Silvano Zucal (Università di Trento)

La Redazione

Francesco Angelone (Reggio Calabria), Claudio Belloni (Milano), Nunzio Bombaci (Messina), Damiano Bondi (Firenze), Omar Brino (Roma), Giovanni Cogliandro (Roma), Mirko Di Bernardo (Roma), Andrea Fiamma (Chieti), Melissa Giannetta (Salerno), Elisa Grimi (Milano), Federica Pazzelli (Roma), Tudor Petcu (Bucarest), Alessio Ruggiero (Salerno), Alfonso Salvatore (Salerno - coordinatore della redazione), Stefano Santasilia (Napoli), Michele Turrisi (Pistoia)

Il Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) è riconosciuta dal MIUR, Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, come pubblicazione ufficiale per l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN): è possibile inserire gli articoli pubblicati sul Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) nell'elenco delle pubblicazioni per accedere all'Insegnamento Universitario

Vittorio Sainati: un’ermeneutica filosofico-religiosa “trans-mitizzante”

di Adriano Fabis


 

Vita e opere

Nato a Pisa nel 1926, Vittorio Sainati fu allievo di Armando Carlini, al quale dedicò nel 1961 un volume comprensivo pubblicato dalle Edizioni di «Filosofia» di Torino. Da Carlini Sainati ereditò, da un lato, l’impostazione antidogmatica e l’attrazione per un cristianesimo non riducibile a formule metafisiche e, dall’altro, la predilezione per alcuni autori della storia del pensiero: soprattutto Aristotele e Locke. Di Locke Sainati tradusse per esempio il Primo abbozzo del Saggio sull’intelligenza umana (Bari 1951; poi, in edizione separata, Roma-Bari 1985), in appendice alla traduzione carliniana del Saggio. Di Aristotele, di cui Carlini aveva tradotto presso Laterza la Metafisica, Sainati pubblicò un’antologia commentata dell’Organon (Firenze 1971).

Vittorio era figlio di Augusto Sainati, insigne studioso di letteratura italiana. Anche seguendo i suggerimenti del padre egli si laureò prima in Lettere e poi in Filosofia all’Università di Pisa, frequentando i corsi della Scuola Normale Superiore. Questo duplice interesse disciplinare lo condusse nella prima fase della sua ricerca a studi estetologici, che si concretizzarono nel libro L’Estetica di Benedetto Croce. Dall’intuizione visiva all’intuizione catartica (Firenze 1953).

Dopo un periodo d’insegnamento nei Licei, Sainati iniziò la sua attività di docente all’Università di Pisa come professore prima di Storia della filosofia medievale, poi di Filosofia morale e Storia delle logica, infine di Filosofia teoretica. Non deve stupire la molteplicità delle sue competenze. Si tratta infatti di una caratteristica del suo stile di ricerca, caratterizzato da una spiccata interdisciplinarità unita a un estremo rigore scientifico.

Sul versante della storia della filosofia medievale Sainati seguì Carlini in un approccio al pensiero di Tommaso d’Aquino ben diverso da quello neoscolastico (si veda in proposito la reiterata polemica di Carlini con Olgiati). In conseguenza di ciò elaborò un’interpretazione contestualizzante dell’Aquinate che gli consentì di mettere in luce il mutamento del paradigma epistemologico tomista rispetto ai modelli teologici precedenti e ai dibattiti dell’epoca sulla natura divina (cfr. Il problema della teologia nell’età di S. Tommaso, Messina-Firenze 1977; nuova edizione Pisa 2011).

Per quanto riguarda invece la storia della logica, Sainati sviluppò lungo un arco di decenni, seguendo l’impostazione dell’Aristotele di Werner Jaeger, una rilettura in chiave genetico-evolutiva dell’intero Organon, capace di mostrare la genesi e lo sviluppo della logica aristotelica, nonché di far emergere le diverse stratificazioni presenti nei diversi trattati dello stesso Organon. Si vedano la sua Storia dell’“Organon” aristotelico, I, Dai “Topici” al “De Interpretatione”, Firenze 1968; seconda edizione ampliata, Pisa 2011; II, L’Analitica, Parte I: La crisi epistemologica della Topica, Firenze 1973; nonché i saggi raccolti nella prima sezione di Logica e filosofia, Pisa 2000). Molti di questi testi sono presenti anche in traduzione tedesca.

La riflessione più propriamente teorica di Sainati in ambito morale, politico e filosofico-religioso si svolse infine in relazione, anche, a un impegno pubblico sempre attento, limpido e costruttivamente critico nei confronti delle situazioni consolidate. Ne sono testimonianza sia la sua giovanile attività politica negli anni della ricostruzione post-bellica, sia l’impegno, in ambito cattolico, durante il Concilio Vaticano II e nel periodo post-conciliare, sia una serie di controversie che lo opposero anche a filosofi e teologi tutt’altro che conservatori, come Luigi Pareyson, Severino Dianich e Claude Geffré: incalzati da Sainati nella misura in cui sembravano arrestarsi nel trarre le conseguenze più radicali dalle loro tesi. Di tutto ciò sono testimonianza, oltre agli scritti di carattere filosofico-religioso contenuti in Credere, oggi (Roma 1997), i saggi alla fine raccolti nel volume Dall’idealismo all’ermeneutica (Pisa 2000; in particolare, per una trattazione di alcuni temi filosofico-politici, si veda il testo su Libertà, potere e autorità, già pubblicato a Genova nel 1979).

Il pensiero filosofico-religioso

Nella prospettiva teorica di Vittorio Sainati la filosofia viene esplicitamente a proporsi come “filosofia di”. Con tale locuzione è sottolineato il carattere niente affatto assoluto e autoreferenziale del discorso filosofico, nella misura in cui esso strutturalmente rinvia, per il suo proprio sviluppo, all’interpretazione degli altri ambiti del sapere. Per un verso, si tratta del modo in cui trova espressione quell’intenzione antimetafisica che costituisce la cifra costante della riflessione sainatiana fin dalle prime prove giovanili (si veda ad esempio il saggio del 1951 su Il mito dell’assoluto e la problematica dell’esistenza). Nella fattispecie la polemica antimetafisica riguarda, all’inizio, gli esiti di un certo idealismo da epigoni o le astrazioni dogmatiche di un neotomismo ormai devitalizzato, per poi estendersi a ogni asserto non radicato nell’esperienza della vita. Per altro verso, però, l’ambito delle discipline a cui l’indagine filosofica sainatiana si rivolge risulta molteplice, in relazione anche alle sue articolate competenze: dall’opera letteraria alla ricerca scientifica, dalla logica formale all’indagine teologica. Ne consegue che, per Sainati, il filosofare deve assumere una ben precisa configurazione ermeneutica, cioè dev’essere un’interpretazione critica di quell’esistenza umana che si esprime in molteplici forme. Come viene detto in una pagina di Credere, oggi: la filosofia “è funzione ermeneutica di riferimento dei contesti esperienziali e linguistici alle determinazioni fenomenologiche dell’esistenza” (p.17).

In questa cornice si sviluppa la “filosofia della teologia” elaborata da Sainati o, più specificamente, la sua “critica della ragione teologica”. Essa prende l’avvio, in sintesi, da una duplice premessa. Da un lato, si tratta di essere consapevoli dell’impossibilità, per il sapere filosofico, di porsi come una totalità autosufficiente, di costituire una “filosofia della filosofia” chiusa in se stessa: ciò che renderebbe impossibile anche lo sviluppo di un’autentica filosofia della religione. Dall’altro lato, però, bisogna capire che la stessa teologia non può a sua volta istituirsi come una scienza assoluta, che si fonda esclusivamente sulle forme del logo apofantico ereditate dal pensiero classico e sulla concezione corrispondentistica della verità a esso collegata: perché allora la stessa teologia finirebbe per essere astratta e dogmatica. In sintesi, è necessario prendere atto, come Sainati afferma nel saggio Cattolicesimo e filosofia, dell’irreversibile crisi della pretesa di assolutezza che filosofia e teologia avevano condiviso nel passato, nonché dell’“avvenuta catarsi del loro rispettivo patrimonio enunciativo da ogni forma di condizionamento ontologico di tipo greco” (p. 12).

Di fronte a ciò la via d’uscita da questa crisi – che si riflette d’altronde in una sempre più ampia crisi di senso che affetta l’essere umano in generale – non solo comporta un’opera di reiterata e radicale “de-mitizzazione” delle categorie attraverso le quali il kerygma si è venuto via via esprimendo. Implica soprattutto un’attività di vera e propria “trans-mitizzazione”, e richiede un sempre rinnovato impegno in tal senso. L’indagine filosofica è chiamata cioè a esperire e a esercitare la capacità di cogliere e di prefigurare creativamente sempre nuove espressioni di quell’evento che risulta portatore di sempre nuove possibilità per il credente.

Tutto questo, nell’ottica di Sainati, può essere compiuto seguendo il percorso dell’interpretazione. Non si tratta unicamente d’interpretare sempre e di nuovo il testo sacro, cercando di recuperare in esso quell’ulteriorità che, come viene detto in un saggio a ciò dedicato, “urge nel dictum del testo” (cfr. il saggio Oltre il dictum del testo, p. 6). Si tratta soprattutto di sviluppare, anche su di un piano epistemologico, un’ermeneutica alternativa, capace d’interagire criticamente sui propri processi e in grado di confrontarsi con la stessa crisi di senso che caratterizza il nostro tempo. In tal modo una filosofia della religione rinnovata, intesa davvero come critica e ricostruzione delle possibilità della ragione teologica, può davvero esser capace d’incidere attivamente sull’esistenza credente e di fornire le condizioni di possibilità per una sua consapevole e adeguata espressione.

La riflessione filosofico-religiosa di Sainati, anche con riferimento ai dibattiti in precedenza menzionati, che ulteriormente la stimolarono, s’intrecciò con gli sviluppi del pensiero cristiano soprattutto in epoca post-conciliare. Ne sono testimonianza per esempio sia alcuni dei saggi contenuti nel volume in suo onore, significativamente intitolato Logica e teologia (1997: in particolare quelli di Severino Dianich, Filippo Costa e Giovanni Moretto), sia quelli raccolti nel fascicolo di “Teoria” intitolato A partire da Vittorio Sainati (2005: soprattutto i testi di Giampiero Bof e Piergiorgio Grassi). Un tentativo di sviluppo di alcune tematiche del pensiero di Sainati è stato poi compiuto da chi scrive, sia con i suoi testi di filosofia della religione (ad esempio Introduzione alla filosofia della religione, Roma-Bari 1996, e Filosofia delle religioni, Roma 2012), sia con il suo più generale progetto di una “filosofia della relazione”. Si veda a quest’ultimo proposito la trilogia Paradossi del senso (Brescia 2002); TeorEtica (Brescia 2010); RelAzione (Brescia 2016). A Vittorio Sainati, infine, è dedicato dal 2006, grazie al supporto della famiglia e delle Edizioni ETS, un Premio di filosofia rivolto ai giovani studiosi che hanno appena conseguito un dottorato di ricerca.

 

BIBLIOGRAFIA

Opere principali di Vittorio Sainati

L’Estetica di Benedetto Croce. Dall’intuizione visiva all’intuizione catartica, Firenze 1953

Armando Carlini, Torino 1961

Storia dell’“Organon” aristotelico, I, Dai “Topici” al “De Interpretatione”, Firenze 1968; nuova edizione ampliata, a cura di M. Mariani, Pisa 2011

Storia dell’“Organon” aristotelico, II, L’Analitica, Parte I: La crisi epistemologica della Topica, Firenze 1973

Il problema della teologia nell’età di S. Tommaso, Messina-Firenze 1977; nuova edizione, a cura di A. Fabris, Pisa 2011

Libertà, potere, autorità, Genova 1979

Credere, oggi. Cristianesimo e teologia verso il Duemila, Roma 1997 (contiene i saggi: Morte e trasfigurazione della metafisica / Il romanzo dell’identità. Metafisica ed ermeneutica / La decomposizione dell’“interiorità” come categoria filosofica / Fatto e parola. La crisi ermeneutica della teologia neo-tridentina / Metafisica e teologia della parola / Filosofia e teologia kerygmatica / Nichilismo, religione, Vangelo / Il mito cristiano / Precauzioni filosofiche per la teologia del Duemila / Teologia e verità. Il problema della traduzione teologica).

Logica e filosofia, Pisa 2000 (contiene i saggi: Tra Parmenide e Protagora. Le premesse storiche della logica greca / La matematica della scuola eudossiana e le origini dell’apodittica aristotelica / La teoria aristotelica dell’apodissi (Introduzione ad An. Post., A) / La sillogistica modale aristotelica: problemi storici e teorici / Per una nuova lettura della sillogistica modale aristotelica / L’epistemologia “fisica” di Aristotele / Sulla logica leibniziana / Leibniz e la verità / Verità e modalità in Leibniz).

Idealismo e neohegelismo, Pisa 2000

Dall’idealismo all’ermeneutica, Pisa 2000 (contiene i saggi: Il mito dell’assoluto e la problematicità dell’esistenza / La crisi della filosofia contemplativa / La fenomenologia, o la conclusione della filosofia metafisica / Lo “spiritualismo dinastico” e la sua formula dinastica: Carlini-Guzzo-Sciacca / Aspetti e problemi dello spiritualismo di Armando Carlini / Armando Carlini e Ugo Spirito: una concordia (fortemente) discors / Libertà, potere, autorità /Mitologia moralistica e filosofia della logica nel “Sistema di logica” di G. Gentile / Gentile e Gödel / Il ritorno dell’identità nel “Sistema di logica” di G. Gentile / Mito e filosofia nella logica di G. Gentile / Attualismo ed esistenzialismo / Discorso critico sulla teoria della formatività / Ermeneutica e traduzione. Il problema della traduzione filosofica / L’estetica di B. Croce come ermeneutica dell’esperienza letteraria)

Cattolicesimo e filosofia, in “Teoria”, XXI, 2001/2, pp. 3-16

Oltre il dictum del testo, in “Teoria”, XXIII, 2003/1, pp. 3-14

Principali scritti su Vittorio Sainati

A. Fabris, G. Fioravanti, E. Moriconi (a cura di), Logica e teologia. Studi in onore di Vittorio Sainati, Pisa 1997

Aa. Vv., A partire da Vittorio Sainati, fascicolo monografico della rivista “Teoria” XXV, 2005/2

L. Gili, L’Aristotele di Vittorio Sainati e l’Aristotele dei contemporanei, in “Teoria” XXXVII, 2007/1, pp. 177-86

Pagine o siti web dedicati

A Vittorio Sainati è dedicato un Premio di filosofia rivolto ai giovani studiosi che hanno appena conseguito un dottorato di ricerca. Si veda www.edizioniets.com/premiosainati

Eventi e convegni
16-17 NOVEMBRE 2018 - FIRENZE
23 - 24 OCTOBER 2018 - URBINO - ITALY
CALL FOR PAPERS
28 - 31 AGOSTO 2018 PRAGA
CALL FOR PAPERS 
Conference of the European Society for Philosophy of Religion
25 - 26 MAGGIO 2018 - ROMA

L'UMANO E IL DIVINO /COLLANA DI 
FILOSOFIA DELLA RELIGIONE
 

IL PENSIERO FILOSOFICO-RELIGIOSO
ITALIANO
 
Novità Bibliografica

eterna

 

Indagine sulla vita eterna

 

Massimo Polidoro, Marco Vannini

 

Oscar Mondadori 2018

Che cosa succede dopo la morte? Una semplice domanda, ma quante discussioni ha suscitato da quando l’uomo è comparso sulla Terra! Questa indagine, resa in forma di dialogo tra due studiosi di formazione, competenze e punti di vista assai diversi – scientifico Massimo Polidoro e filosofico Marco Vannini -, nasce dal desiderio di capire se esistano elementi sufficienti a sostegno della credenza in un possibile aldilà. Il risultato è una delle inchieste più complete sul tema della vita eterna, in cui scienza, religione, antropologia, storia e filosofia si intrecciano per cercare di illuminare il più pressante e intimo interrogativo dell’uomo.

Per info: Massimo Polidoro, Marco Vannini, Indagine sulla vita eterna