L'Associazione Italiana di Filosofia della Religione (AIFR) riunisce i docenti italiani e i ricercatori presso le Università italiane di Filosofia della Religione


N. 7 MAGGIO - AGOSTO  2018
ISSN 2532 - 1676

Direttore responsabile: 
Pierfrancesco Stagi

Il Comitato scientifico

Andrea Aguti (Presidente AIFR, Università di Urbino), Annalisa Caputo (Università di Bari), Carla Canullo (Università di Macerata), Roberto Celada Ballanti (Università di Genova), Virgilio Cesarone (Università di Chieti-Pescara), Francesco Paolo Ciglia (Università di Chieti-Pescara), Giuseppina De Simone (Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale) Adriano Fabris (Università di Pisa), Francesco Miano (Università di Roma "Tor Vergata"), Sergio Sorrentino (Università di Salerno), Pierfrancesco Stagi (Università di Torino), Pierluigi Valenza (Università "La Sapienza" di Roma), Silvano Zucal (Università di Trento)

La Redazione

Francesco Angelone (Reggio Calabria), Claudio Belloni (Milano), Nunzio Bombaci (Messina), Damiano Bondi (Firenze), Omar Brino (Roma), Giovanni Cogliandro (Roma), Mirko Di Bernardo (Roma), Andrea Fiamma (Chieti), Melissa Giannetta (Salerno), Elisa Grimi (Milano), Federica Pazzelli (Roma), Tudor Petcu (Bucarest), Alessio Ruggiero (Salerno), Alfonso Salvatore (Salerno - coordinatore della redazione), Stefano Santasilia (Napoli), Michele Turrisi (Pistoia)

Il Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) è riconosciuta dal MIUR, Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, come pubblicazione ufficiale per l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN): è possibile inserire gli articoli pubblicati sul Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) nell'elenco delle pubblicazioni per accedere all'Insegnamento Universitario

CALL FOR PAPERS.

Evolutionary Research on Morality and Theological Ethics.

23-24 October 2018, Urbino, Italy.

ORGANIZING COMMITTE

Andrea Aguti (University of Urbino)

Daniele Bertini (University of Rome Tor Vergata)

CONFERENCE TOPIC.

Recent works in biology, social psychology and cognitive sciences show a growing interest for evolutionary accounts of morality. Following the seminal research agenda of Bill Hamilton, an impressive body of empirical inquiries has investigated into the nature of animal groups and behavior within them. As a consequence, joint agency, altruism, and collaboration among kin and non kin have become an important focus of experimental tests. The cumulative evidence that prosocial behaviors favor biological fitness has progressively lead to questioning whether human morality is naturalistically framed upon evolutionary grounds. Grossly speaking, two parties are disputing at present. The former originates from Frans de Waal’s studies on great apes. According to such option human morality is rooted in animal emphaty, and is continuous in respect to behavioral patterns which most mammals exhibit. On the contrary, the latter denies that human morality has anything to do with animal prosociality, because the cognitive abilities of human beings are noncontinuous in respect to animal ones, and such abilities alone constitute the conditions for the possibility of morality. Michael Tomasello is a leading proponent of such an option.

The purpose of the conference is to investigate whether the evolutionary debate on morality is relevant to theological ethics. Questions which may be addressed are the following: What do evolutionists mean by relating morality to prosociality? How do they outline altruistic behaviors? Why should such behaviors be relevant to understanding human morality? Does the evolutionary frame of animal prosociality provide reasons against the legitimacy of ethics? Are evolutionary accounts of morality debunking tools for the irreducibility of morality?

Notoriously, many theists have no problem with the theory of evolution, because they hold that it does not undermine creationism (i.e., God is the creator of nature and the laws of nature). If this is the case, some questions arise. Which God is the designer of the evolutionary process? Does He act in the world only by framing a natural mechanism at the beginning of time? Can we understand his purposes by considering the natural history of the universe? Are animal sufferings which are required by the evolutionary process reasons in support to the argument from evil?

The conference provides a venue to debate such topics and advance fresh contributions to the international research on different approaches to the nature of ethics and the related notions of God. 

SPEAKERS.

Georg Gasser, Innsbruck Universität

Andrew Pinsent, Oxford University

Andrea Lavazza, Società Italiana di Neuroetica e Centro Internazionale Universitario di Arezzo

Roberto Di Ceglie, Pontificia Università Lateranense

Daniele Bertini, Università di Roma Tor Vergata

We have two slots for contributed papers (30 minutes reading, 15 minutes for discussion). Please send an extended abstract in-between 500 and 1000 words. The body of the email should include the author’s details (name, position affiliation, contact details, title of the abstract). The deadline for abstract submissions is 30 June 2018. Applicants will receive a response regarding their submission by 31 July 2018. Costs for accommodation will be covered by the University of Urbino, but costs for travel can not be reimbursed.

Submissions and inquiries should be sent to Prof.Andrea Aguti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) and Dr.Daniele Bertini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

The conference is financed by the University of Urbino and supported by the Analytic Theology Cluster on Evolution, Morality, the Notion of God (http://danielebertini73.wixsite.com/analytictheology).

Eventi e convegni
21-23 FEBRUARY 2019 -CLAREMONT CALIFORNIA - CALL FOR PAPERS
16-17 NOVEMBRE 2018 - FIRENZE
23 - 24 OCTOBER 2018 - URBINO - ITALY
CALL FOR PAPERS
28 - 31 AGOSTO 2018 PRAGA
CALL FOR PAPERS 
Conference of the European Society for Philosophy of Religion

L'UMANO E IL DIVINO /COLLANA DI 
FILOSOFIA DELLA RELIGIONE
 

IL PENSIERO FILOSOFICO-RELIGIOSO
ITALIANO
 
Novità Bibliografica

radu

 

Sentire la vita.

Fenomenologia e

religione in

Michel Henry

 

Radu Motoca

 

Stamen Roma 2018

«il movimento della vita è, in senso originario, un sentire che sente se stesso. Questa affezione radicale non trova posto nel visibile e, in quanto tale, non può essere oggetto d’analisi ad opera di un conoscere improntato sul modello della rappresentazione. Rispetto al tema della vita, nessuna presenza può essere posta di fronte allo sguardo, gettata contro: ob-iectum, oggetto. ogni cosa è un simulacro, se percepita esclusivamente nella sua esteriorità. al pensiero riflessivo, derivante la sua luce dall’apparire del mondo, è precluso ogni possibile accesso alla vita. del vivere non si dà immagine. nessuno sguardo, nessuna teoresi può aver presa su una realtà originaria, che è priva di forma, per costituzione. Risalire alla sorgente stessa della capacità di intenzionare le cose vuol dire lasciar essere il movimento della vita: sentirne la forza profonda, che opera nella continuità irrappresentabile che lega, prima ancora di qualunque divisione, ogni esistenza singola all’ambito dell’essere che l’ha generata. e che non smette mai di farlo, perché è sviluppo di una potenza inesauribile e costante. Questo potere originario di manifestazione della vita resta invisibile per essenza. non ha volto né voce» (dalla Prefazione).

Radu Motoca ha studiato filosofia preso la Pontificia università Gregoriana di Roma. Si è laureato con una tesi sul concetto di giustizia in Paul Ricoeur. nel 2010 ha consegnato il dottorato presso la stessa università con una tesi sulla fenomenologia della vita nel pensiero di michel Henry. Attualmente è direttore di ricerca presso l’instituto dignitatis Humanae. i sui principali campi di ricerca sono la fenomenologia della vita, la filosofia della religione e la problematica della dignità umana.​

Per info: Radu Motoca, Sentire la vita. Fenomenologia e religione in Michel Henry