L'Associazione Italiana di Filosofia della Religione (AIFR) riunisce i docenti italiani e i ricercatori presso le Università italiane di Filosofia della Religione


N. 7 MAGGIO - AGOSTO  2018
ISSN 2532 - 1676

Direttore responsabile: 
Pierfrancesco Stagi

Il Comitato scientifico

Andrea Aguti (Presidente AIFR, Università di Urbino), Annalisa Caputo (Università di Bari), Carla Canullo (Università di Macerata), Roberto Celada Ballanti (Università di Genova), Virgilio Cesarone (Università di Chieti-Pescara), Francesco Paolo Ciglia (Università di Chieti-Pescara), Giuseppina De Simone (Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale) Adriano Fabris (Università di Pisa), Francesco Miano (Università di Roma "Tor Vergata"), Sergio Sorrentino (Università di Salerno), Pierfrancesco Stagi (Università di Torino), Pierluigi Valenza (Università "La Sapienza" di Roma), Silvano Zucal (Università di Trento)

La Redazione

Francesco Angelone (Reggio Calabria), Claudio Belloni (Milano), Nunzio Bombaci (Messina), Damiano Bondi (Firenze), Omar Brino (Roma), Giovanni Cogliandro (Roma), Mirko Di Bernardo (Roma), Andrea Fiamma (Chieti), Melissa Giannetta (Salerno), Elisa Grimi (Milano), Federica Pazzelli (Roma), Tudor Petcu (Bucarest), Alessio Ruggiero (Salerno), Alfonso Salvatore (Salerno - coordinatore della redazione), Stefano Santasilia (Napoli), Michele Turrisi (Pistoia)

Il Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) è riconosciuta dal MIUR, Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, come pubblicazione ufficiale per l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN): è possibile inserire gli articoli pubblicati sul Nuovo Giornale di Filosofia della Religione (NGFR) nell'elenco delle pubblicazioni per accedere all'Insegnamento Universitario

 

Centro Italiano di Ricerche Fenomenologiche

in collaborazione con

Società Internazionale di Fenomenologia della Religione

Sabato 24 marzo 2018

alle ore 16,30

presso la sede del CIRF

Via dei Serpenti 100 int.1, Roma

Giancarlo Gaeta Irene Kajon

Romano Romani

parleranno su

Ebraismo e filosofia

Imre Toth e il libro del popolo ebraico

come autentica Gerusalemme

Presiede

Angela Ales Bello

 

In occasione della pubblicazione del libro:

Imre Toth, Il lungo cammino da me a me,

Interviste di Péter Várdy, a cura di G. Gaeta, Quodlibet , Macerata 2016

Bibliografia di riferimento: I.Toth, Essere Ebreo dopo l’Olocausto, a cura di B. M. d’Ippolito, Postilla di R. Romani, Cadmo 2002; Id., La filosofia e il suo luogo nello spazio della spiritualità occidentale, a cura di R. Romani, Boringhieri, 2007; Id., La filosofia della matematica di Frege, a cura di T. Orlando, Quodlibet 2015; AA. VV., La matematica. Linguaggio poietico Problema filosofico a cura di R. Romani, Biblioteca d’Orfeo 2016.

La Presidente del CIRF

Angela Ales Bello

Eventi e convegni
21-23 FEBRUARY 2019 -CLAREMONT CALIFORNIA - CALL FOR PAPERS
16-17 NOVEMBRE 2018 - FIRENZE
23 - 24 OCTOBER 2018 - URBINO - ITALY
CALL FOR PAPERS
28 - 31 AGOSTO 2018 PRAGA
CALL FOR PAPERS 
Conference of the European Society for Philosophy of Religion

L'UMANO E IL DIVINO /COLLANA DI 
FILOSOFIA DELLA RELIGIONE
 

IL PENSIERO FILOSOFICO-RELIGIOSO
ITALIANO
 
Novità Bibliografica

radu

 

Sentire la vita.

Fenomenologia e

religione in

Michel Henry

 

Radu Motoca

 

Stamen Roma 2018

«il movimento della vita è, in senso originario, un sentire che sente se stesso. Questa affezione radicale non trova posto nel visibile e, in quanto tale, non può essere oggetto d’analisi ad opera di un conoscere improntato sul modello della rappresentazione. Rispetto al tema della vita, nessuna presenza può essere posta di fronte allo sguardo, gettata contro: ob-iectum, oggetto. ogni cosa è un simulacro, se percepita esclusivamente nella sua esteriorità. al pensiero riflessivo, derivante la sua luce dall’apparire del mondo, è precluso ogni possibile accesso alla vita. del vivere non si dà immagine. nessuno sguardo, nessuna teoresi può aver presa su una realtà originaria, che è priva di forma, per costituzione. Risalire alla sorgente stessa della capacità di intenzionare le cose vuol dire lasciar essere il movimento della vita: sentirne la forza profonda, che opera nella continuità irrappresentabile che lega, prima ancora di qualunque divisione, ogni esistenza singola all’ambito dell’essere che l’ha generata. e che non smette mai di farlo, perché è sviluppo di una potenza inesauribile e costante. Questo potere originario di manifestazione della vita resta invisibile per essenza. non ha volto né voce» (dalla Prefazione).

Radu Motoca ha studiato filosofia preso la Pontificia università Gregoriana di Roma. Si è laureato con una tesi sul concetto di giustizia in Paul Ricoeur. nel 2010 ha consegnato il dottorato presso la stessa università con una tesi sulla fenomenologia della vita nel pensiero di michel Henry. Attualmente è direttore di ricerca presso l’instituto dignitatis Humanae. i sui principali campi di ricerca sono la fenomenologia della vita, la filosofia della religione e la problematica della dignità umana.​

Per info: Radu Motoca, Sentire la vita. Fenomenologia e religione in Michel Henry